Doposcuola DSA, ecco come scegliere il metodo di studio corretto

di pask Commenta

Si sente parlare spesso e volentieri di doposcuola DSA, ma in tanti casi non ci si focalizza sull’aspetto principale, ovvero lo scopo che regge tale sistema, quello di non prendere il posto dei ragazzi e svolgere i compiti al loro posto, ma è fondamentale piuttosto praticare un’azione da trampolino per stimolare nei ragazzi lo sviluppo verso una maggiore autonomia nello studio, così come il benessere dal punto di vista emotivo.

Doposcuola DSA, ecco un nuovo sistema per stimolare un apprendimento più efficace

In alcuni istituti sono nati dei corsi di doposcuola specialistici per tutti quei bambini e ragazzi che soffrono di BES e DSA. Una missione che porta a dare una mano agli studenti che frequentano dalla terza elementare e fino alla quinta superiore. Lo scopo primario è quello di dare un supporto più efficace a questi studenti nel crearsi un sistema di studio più affidabile e che si adegui alla perfezione al proprio stile di apprendimento. Ecco spiegato il motivo per cui è giusto utilizzare la parola trampolino, dal momento che si funge da supporto nei confronti di bambini e ragazzi verso una maggiore autonomia nello studio.

Un metodo che è stato ribattezzato “D+” e che si basa su tre parole in modo particolare, ovvero motivazione, autoefficacia e autostima.