La Città dei Bambini e dei Ragazzi di Genova

di Redazione Commenta

Dopo un periodo di chiusura per manutenzione La città dei bambini e dei ragazzi di Genova riapre in concomitanza con il Salone Nautico, uno dei più importanti appuntamenti stagionali del settori. La riapertura è prevista martedì 4 ottobre 2011. Questa struttura, tra le più grandi d’Italia, è interamente dedicata al gioco, alla scienza e alla tecnologia, con un’ottica e una misura per bambini e ragazzi da 2 a 12 anni.

90 exhibit per “piccole e grandi” scoperte utili a soddisfare la curiosità, la sete di conoscenza, l’impazienza di sperimentare la tecnologia, la sorpresa degli esperimenti scientifici. La città dei bambini e dei ragazzi è divisa in tre aree in base alle fasce d’età: bambini di 2 – 3 anni, bambini 3 – 5 anni e 6 – 12 anni.

Nell’area dedicata ai più piccoli c’è il Sottobosco, un percorso, che si snoda dentro un un bosco, con tana, grotta, anfratto e fiume, passaggi sopra-sotto, casetta costruita con i tronchi d’albero, prato e rocce, ideale per stimola sia la parte psicomotoria sia la parte sensoriale dei bambino.

Area da 3 a 5 anni. Chi l’ha detto che è necessario saper leggere o scrivere se si è “armati” dei propri 5 sensi per scoprire in modo semplice e intuitivo il mondo intorno a noi? Si può giocare in un vero e proprio cantiere a misura di bambino, oppure con l’acqua o ancora con la propria immagine. Le aree tematiche sono: Il Cantiere, Mani in acqua e Le scoperte.

L’area 6-12 anni è lo spazio dedicato alle scoperte scientifiche, vere e proprie esperienze dirette nel campo della fisica, della biologia, della comunicazione, della tecnologia e dell’energia.Bambini e ragazzi sono stimolati a porsi domande e a trovare risposte alla loro voglia di sapere. Queste le aree tematiche: Il Vivente, Lo studio TV, Le bolle di sapone, La cascata di Sabbia, Le meraviglie delle fisica, Digiwall-La parete digitale, Energia in gioco e Il transatlantico.