La cistite in gravidanza

di Redazione 5

cistite in gravidanza

Le infezioni alle vie urinarie sono piuttosto diffuse tra le donne, una tra le più comuni è la cistite, che può essere contratta anche durante la gravidanza a causa del cambiamento del corpo della futura mamma; durante la gestazione, infatti, la vescica si allarga per contenere il peso del bambino, e questo ingrossamento può far aumentare il rischio di una proliferazione di batteri che possono entrare più agevolmente nella vescica.

I sintomi più frequenti della cistite in gravidanza sono dolori nella zona pubica e minzione frequente, che può avvenire anche con difficoltà e contenere tracce di sangue nelle urine; la minzione può essere anche accompagnata da una sgradevole sensazione di bruciore.

Per fortuna, la cistite in gravidanza si può contrastare; la prima regola è bere tanta acqua, perché aiuta ad eliminare i batteri, che possono essere allontanati anche assumendo succo di mirtillo, che rendendo l’urina più acida, contribuisce ad ucciderli. Mai ignorare lo stimolo di fare pipì, e quando andate in bagno cercate di svuotare sempre la vescica. Per l’igiene intima scegliete saponi delicati, ed evitate accuratamente quelli troppo forti che potrebbero irritare l’uretra; evitate di lavarvi anche con le salviettine profumate.

Per combattere la cistite in gravidanza esistono anche alcuni rimedi naturali, come l’assunzione di estratto di semi di pompelmo, di tisane alla malva e di uva ursina. Se non credete nell’omeopatia, esistono in commercio dei farmaci tradizionali contro la cistite che possono essere assunti anche in gravidanza, previo consulto con il proprio ginecologo.