Bambini, le regole dei 5 sensi per favorire il sonno

di Emma Commenta

Tra pochi giorni tornerà l’ora solare: nelle notte tra sabato 28 e domenica 29 ottobre dovremo spostare le lancette dell’orologio indietro di un’ora indietro. Si dormirà un’ora di più, ma le giornate si accorceranno e anche i bambini potrebbero risentire del cambio mostrando maggiore irritabilità, inappetenza e insonnia.

bambini, sonno,

Proprio la qualità del sonno è invece importantissima per i bambini come fa notare l’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza (Paidòss) spiegando anche oltre un milione di piccoli soffre di insonnia e spesso a causa di cattive abitudini. I bambini di età compresa tra i tre e i cinque anni dovrebbero dormire dalle 11 alle 13 ore e i bambini dagli 11 ai 13 dovrebbero dormire circa 8-9 ore. Ciò spesso non accade con il risultato che i bambini possono apparire più irritabili e aggressivi. Ma come favorire il sonno anche in vista del cambio dell’ora e del ritorno dell’ora solare? Sarebbe necessario che i bambini andassero a dormire presto entro le ore 21, ma in aiuto arrivano anche le regole dei 5 sensi. 

1 – Vista: spegnere tablet, tv e computer intorno alle 20 o almeno un’ora prima di andare a letto perché la luce dei dispositivi elettronici altera la produzione di melatonina che favorisce invece il riposo.

 

2 – Gusto: alt a cene pesanti o ricche di grassi. Meglio scegliere alimenti che possano stimolare la produzione di serotonina  come il pollo, le uova, il pesce e il latte.

 

3 – Tatto: il pigiama non deve essere troppo pesante e la temperatura della stanza non troppo alta per cui 18 gradi andranno benissimo.

INSONNIA NEL BAMBINO, COME CONTRASTARLA

4 – Olfatto: le lenzuola devono essere cambiate spesso perché siano sempre fresche e profumate. La lavanda aiuta a rilassarsi e ad abbassare la frequenza cardiaca.

5 – Udito: almeno 30 minuti prima di mettere a letto i bambini, la casa dovrebbe essere molto silenziosa. Per ridurre il rumore e creare un suono di fondo omogeneo si potrebbe scegliere un ventilatore o un deumidificatore che favoriscono il cervello a non sentire eventuali altri rumori.

 

photo credits | think stock