Allergie alimentari in estate nei bambini, quali sono i cibi cui prestare attenzione

di Redazione Commenta

Mangiare frutta e verdura in estate è sempre la scelta migliore, ma occhio alle allergie alimentari, molto diffuse anche tra i bambini. Fragole e pomodori hanno una cattiva nomea pur non essendo da considerarsi particolarmente pericolosi. Attenzione invece al pesce, che fa tanto bene ma scatena numerose reazioni allergiche. Questo l’avvertimento di Alessandro Fiocchi, responsabile di Allergologia dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

bambini-pesce

Oltre al pesce, occhi aperti anche sui crostacei (in questo caso le allergie sono più frequenti in chi è allergico alla polvere), sui kiwi, che possono dare reazioni alla prima somministrazione in chi è allergico ai pollini degli alberi, e poi, complice magari anche il fatto che si va in vacanza all’estero, alcuna frutta secca, in particolare gli anacardi utilizzati nella cucina orientale, oltre che alcuni mix di spezie, tra queste ad esempio il cumino, utilizzate nel chili.

L’allergia al pesce è quella più diffusa, considerato anche che non si è allergici a un pesce solo ma a tutti. Alcune reazioni si scatenano anche solo con l’odore. Ad esempio passando da una pescheria può verificarsi che il bambino come anche l’adulto, sviluppi una reazione asmatica. Mangiando nei ristorantini sulla spiaggia o prendendo il pesce in pescheria, può verificarsi a volte che il pesce fresco non sia conservato bene e si sviluppi invece la cosiddetta sindrome scombroide, una sorta di pseudo-allergia.

Ricordiamo poi che il pesce crudo si può mangiate ma deve essere abbattuto perché altrimenti contiene l’anisachis, che in chi è allergico può provocare reazioni o comunque gravi dolori addominali. Raccontano i pediatri dell’Ospedale:

La cosa importante, se non si sa che il piccolo ha un’allergia, è non farsi prendere dal panico. Ciascuna manifestazione dell’allergia ha le sue cure. Nel caso di una reazione maggiore, l’anafilassi, bisogna rivolgersi al Pronto Soccorso, ma è difficile che accada senza segni premonitori.

 

Photo Credits | Shutters / Oksana Kuzmina