Allattamento al seno, i trucchi della nonna funzionano davvero?

di Redazione 1

Allattamento seno trucchi nonna funzionano davvero

Siamo da sempre abituati alle credenze popolari. Molte alla fine risultano veritere, altre parecchio strane ed improbabili ma c’è chi dice che ci sia sempre un fondo di verità. Voi che ne pensate? Molti sono ad esempio i trucchi della nonna che riguardano la gravidanza ed i bambini, e nello specifico l’allattamento. Si crede ad esempio che passare delle bustine di te sui capezzoli allevi il fastidio o che consumare alcuni alimenti in particolare, come la farina d’avena o i finocchi faccia incrementare la produzione del latte.

Per cercare di capire se tutti questi consigli provenienti da nonne, zie, madri, etc etc… siano veri o infondati, uno studio pubblicato su Breastfeeding Medicine ha approfondito l’argomento cercando allo stesso tempo di trovare un riscontro nei fondamenti della medicina. A questo scopo ha coinvolto dei medici specialisti e delle ostetriche, sottoponendoli ad un questionario ad hoc. L’iniziativa in questione è stata promossa da Jonathan Schaffir, un ostetrico del Wexner Medical Center dell’Università dell’Ohio. Al centro della ricerca dunque i cosiddetti rimedi della nonna, che ben il 69% degli oltre 120 specialisti intervistati, ha ammesso di conoscere, e che invece il 65 % ha detto di avere discusso diverse volte con le donne in dolce attesa. Tra i rimedi più gettonati e consigliati l’assunzione di determinate erbe per favorire la produzione del latte e diminuire il dolore conseguente l’allattamento al seno.

Tra i rimedi popolari di cui i medici sono a conoscenza ma che non consigliano alle madri, quelli relativi ad alcuni alimenti che non dovrebbero essere dati ai bambini in quanto causa della formazione di aria e gas nel loro pancino. In definitiva non ci sarebbe però un effettivo riscontro tra i trucchi della nonna e la loro efficacia, anche se non si ritiene necessario evitarli completamente nel caso in cui questi non nuociano evidentemente al bambino o alla stessa madre.

Fonte

Photo Credit | Thinkstock