Vaccini: meglio renderli obbligatori? Il servizio delle Iene

di Redazione Commenta

Ultimamente sembra non si parli d’altro, eppure è un argomento talmente dibattuto, soprattutto in questi ultimi mesi, che non si può fare altrimenti. I vaccini: è meglio renderli obbligatori? Se ne è tornato a discutere, giusto qualche giorno fa, durante una puntata della trasmissione le Iene, nell’ambito della quale sono emersi dei dati precisi su quella che è la situzione Italiana in ambito di vaccinazioni.

vaccinazione bambino

Che il crollo dei vaccini faccia salire il rischio dell’insorgenza di malattie oramai da tempo considerate sconfitte è un dato di fatto. Ciò ha comportato, in un modo o nell’altro, il fatto che il numero di bambini sottoposti alle vaccinazioni fino a qualche anno fa obbligatorie, sia diminuito sensibilmente fino ad arrivare al di sotto del livello di guardia, il 95%.

A prendere la parola durante la puntata Walter Ricciardi, Presidente dell‘Istituto superiore della Sanità, che lancia l’allarme. I bambini dovrebbero essere tutti vaccinati. Nel momento in cui parte di essi non lo sia diventerebbe più che possibile il rischio di un’epidemia destinata a diffondersi. Purtroppo tale rischio non è così lontano. E’ di qualche giorno fa la morte, a Bologna, di una bambina di soli 40 giorni, troppo piccola per poter essere vaccinata ed entrata in contatto con i compagnetti di asilo del proprio fratellino che evidentemente non lo erano stati.

D’altro canto è anche vero che dei casi in cui la vaccinazione abbia prodotto dei danni alla salute siano stati registrati, come quello di Silvia, colpita dalla poliomelite post-vaccinica. Il dubbio quindi è lecito. E’ preferibile proteggersi dalle malattie o incorrere in danni da vaccino? Secondo Ricciardi, dal dopoguerra in poi, il numero delle persone danneggiate dalle vaccinazioni sarebbe pari a 700.

Ma c’è un’altra domanda che merita la giusta attenzione: perchè vaccinare dei bambini per delle malattie che in Italia non esistono più? A rispondere è il dottor Villani, pediatra generale e delle malattie infettive presso il Bambin Gesù di Roma, che afferma come la necessità derivi dal continuo spostamento dei popoli da un Paese all’altro. Il servizio si chiude con la testimonianza di due mamme che hanno perso rispettivamente una figlia ed un figlio a causa della meningite: entrambi non erano stati vaccinati.

Photo Credit | Thinkstock