Le regole d’oro per la pappa del bambino

di Redazione Commenta

pappa bimba

Il momento della pappa è molto importante, perché rappresenta una fase di crescita, non solo fisica, ma anche di sviluppo. I bambini imparano a vivere il cibo come un nutrimento e un piacere, sviluppano un gusto tutto loro, acquisiscono nozioni fondamentali sul piacere della tavola, sulla condivisione dei pasti e anche sulle regole della dieta. La prima regola però, a detta dei pediatri della Società italiana di pediatria (Sip), è che i bambini devono mangiare cibi da bambini.

Evitate quindi di precorrere le tappe. Se lo svezzamento è stato fissato intorno al sesto mese è perché ci sono stati degli studi che hanno dimostrato che quello è il momento migliore per passare dal latte alla pappa solida. No quindi a piatti preparati per risparmiare, ma proponete solo alimenti per l’infanzia e prodotti biologici. Per quale motivo? Perché sono alimenti più controllati, sia in termini di sicurezza che di materie prime.

I pediatri sono convinti che una corretta alimentazione per i bambini equivale ad un «vaccino» contro molte malattie. Viene spontaneo allungare al piccolo, soprattutto se affamato, quello che stiamo mangiando. Magari già nei primi mesi si dimostra molto goloso e attento a tutto quello che fanno gli adulti. Purtroppo però non sono ancora adulti e hanno bisogno di più severità. Claudio Maffeis docente di pediatria all’Università di Verona ha commentato:

I contaminanti tossici presenti nel cibo agiscono a tutte le età ma sono ben più pericolosi nelle prime età della vita in cui l’organismo cresce rapidamente e si sta sviluppando da un punto di vista funzionale. L’azione di queste sostanze agisce sul bambino sin dalla vita intrauterina, causando conseguenze per la salute anche molto rilevanti e che solo recentemente sono state evidenziate.

Tra le altre regole da ricordare, c’è quella di impostare una dieta varia ed equilibrata: i bambini devono mangiare i carboidrati, devono assumere grassi (il 40 percento 40% dell’apporto complessivo fino a 3 anni d’età), mentre bisogna limitare le proteine (non più del 15 %). Volete poi avere un’idea delle calorie quotidiane? Per i piccoli di un anno sono circa 700, fino a 3 anni sono 1100.

 

Photo Credit | ThinkStock