Cosa dare al bambino per colazione?

di Redazione Commenta

colazione

Cosa far mangiare al proprio piccolo a colazione? Il primo pasto della giornata è anche il più difficile. Alcuni bambini serrano la bocca e non ne vogliono sapere, altri invece sono decisamente affamati e vorrebbero un vero e proprio pranzo. Come bilanciare correttamente la colazione? Ricordiamo che l’apporto calorico deve essere pari al 20% del totale delle calorie quotidiane.

È importante che fornisca degli zuccheri, per dare velocemente energia al piccolo e consentirgli di affrontare la giornata scolastica (dal nido al liceo) con la giusta concentrazione.  Dolce o salato? La colazione tradizionale in Italia è dolce. Una tazza di latte con dei biscotti o dei cereali va benissimo. Potreste alternare anche con dello yogurt e della frutta (tipo macedonia). Perfetto, anche una fetta di pane biscottato con un po’ di marmellata.

Se però il bimbo è predisposto per una colazione salata, non ditegli di no. Ciò che conta è non esagerare con le calorie: un piccolissimo panino con una fetta di prosciutto o un uovo alla coque sono due validissime soluzioni. Non dovete assolutamente fargli saltare il pasto, perché il corpo dopo il lungo digiuno della notte ha bisogno di riequilibrare le forze.

Come fare se proprio non vuole mangiare? La prima regola è non forzare mai i bambini. Obbligarli a consumare del cibo può essere un errore perché tenderà a sviluppare un’avversione verso il cibo. È molto meglio offrire quello che avete e lasciarlo scegliere. Potrebbe essere che non mangi appena sveglio, ma abbia bisogno di almeno un’ora per provare lo stimolo della fame. Se siete a casa, fate in modo che abbia i suoi tempi, se invece dovete portarlo a scuola potete far così: la colazione si può consumare una volta vestiti prima di uscire di casa, altrimenti mettetegli in cartella oltre alla merenda, un succo di frutta e una fetta di torta che potrà mangiare prima di entrare in classe.

Photo Credit | ThinkStock