Pediatri in treno grazie a Frecciabimbo

di Redazione Commenta

Pediatri treno Frecciabimbo

Morsi di animali, punture di insetti ed altri piccoli e grandi incidenti domestici, costituiscono delle situazioni che tutti, prima o poi, dovremo fronteggiare. Nell’immediatezza spesso non si sa come procedere, magari la preoccupazione ed il panico, a seconda dei casi più o meno gravi, prevalgono e intervenire tempestivamente e nella maniera più adeguata è quasi impossibile. A questo proposito nasce un’iniziativa singolare ma di sicura utilità che vedrà coinvolto, per circa 2 settimane fino al 7 luglio, un team di medici pediatri volontari della Federazione Italiana Medici Pediatri, che viaggiando sui Freccia Rossa offriranno sostegno e consulenze completamente gratuite relativamente alle situazioni di pericolo sopra delineate. Il tutto coaudiuvato da dimostrazioni pratiche, da proiezioni di filmati di supporto oltre che dalla distribuzioni di un kit di sicurezza appositamente pensato per questo genere di emergenze.

Scopo dell’iniziativa quello di sensibilizzare i genitori, e non solo, nei confronti della sicurezza e igiene dei più piccoli. Questi ultimi verranno adeguatamente coinvolti in una serie di iniziative e verranno omaggiati con dei gadgets firmati Disney. Frecciabimbo è un’iniziativa promossa da Trenitalia e patrocinata dal Ministero della Salute insieme alla FIMP. Fino al 7 luglio i bambini in treno saranno i veri protagonisti insieme ai loro genitori.

In particolare, tra le situazioni di emergenza prese in considerazione il soffocamento dei bambini. I pediatri, grazie all’utilizzo di un manichino mostreranno ai presenti le manovre salvavita da effettuare sul piccolo in pericolo. I casi di soffocamento sono purtroppo molto comuni, non è raro che i bambini portino alla bocca gli oggetti più disparati che trovino alla loro portata, ciò costituisce un pericolo al quale prestare la massima attenzione con una vigilanza totale. Ma se di fronte l’eventualità che ciò accada avessimo acquisito le giuste nozioni riguardo il da farsi, allora ci sarebbero molte più probabilità che il rischio si riduca solo ad un gran bello spavento.

Fonte

Photo Credit | Thinkstock