Gravidanza, il vademecum del Ministero della Salute

di Fabiana Commenta

La salute femminile va tutelata anche e soprattutto nel corso della gravidanza: il Ministero della Salute ricorda ancora una volta l’importanza dei vaccini come strumento di prevenzione da gravi patologie infettive in ogni fase della vita. Ma quali sono le vaccinazioni consigliate nel corso della gestazione? 

gravidanza, placenta, colina

Il Ministero ricorda che le donne in età fertile dovrebbero essere già vaccinate contro morbillo, parotite, rosolia, varicella e papilloma virus (Hpv). Importante anche il richiamo decennale della vaccinazione contro difterite, tetano e pertosse, malattie che potrebbero influenzare negativamente la fertilità o diventare pericolose per la gravidanza stessa. 

La vaccinazione anti-influenzale è fortemente raccomandata e offerta gratuitamente a tutte le donne che all’inizio della stagione epidemica dell’influenza si trovino nel secondo o terzo trimestre di gravidanza al contrario dei vaccini contro Mpr e varicella che non possono essere somministrati in gravidanza. Sconsigliata in gravidanza anche la vaccinazione contro l’Hpv a causa della mancanza di studi che ne confermino la non pericolosità.

Nel caso in cui si sita pianificando una gravidanza, è anche opportuno tenere in considerazione che è il caso di posticiparla di un mese dopo la vaccinazione.  consigliata in gravidanza, poiché non sono stati effettuati studi specifici.

In previsione di una gravidanza è indispensabile poi che le donne siano adeguatamente protette nei confronti di morbillo-parotite-rosolia e della varicella, pericolose durante la gravidanza, soprattutto nelle prime settimane. Molto importante è anche la vaccinazione dTpa durante ogni gravidanza, anche se la donna è già stata vaccinata o è in regola con i richiami decennali o abbia avuto la pertosse. Se contratta nei primi mesi di vita, la pertosse può essere molto grave o persino mortale: per la madre l’ideale sarebbe di vaccinarsi intorno alla 28a settimana in modo tale da lasciar trasmettere alla gestante la produzione di anticorpi sufficienti e conseguente passaggio transplacentare visto che il vaccino è sicuro per la donna e per il feto.

 

GRAVIDANZA E GATTI IN CASA, ECCO I CONSIGLI UTILI

 

photo credits | thinkstock