Giochi per bambini da tre a sei anni

di Redazione 1

42-17985854

Nella fascia di età che va all’incirca dai tre ai sei anni il bambino comincia a “giocare con molto impegno” e sperimenta, se già non lo ha fatto al nido, i primi giochi con i coetanei alla scuola d’infanzia o al parco. A partire dai tre anni, ma anche un po’ prima, ovviamente questo varia da bambino a bambino, è possibile dare al piccolo giochi come i mattoncini per la costruzioni, i puzzle, i soldatini, le marionette, i libri da colorare e la plastilina, ma anche cominciare a proporgli alcune attività da svolgere soli o insieme a voi in casa.

Dar loro qualcosa da fare servirà ad intrattenerli piacevolmente quando fuori è brutto e non si può uscire, magari mentre voi siete impegnate a svolgere qualche faccenda come cucinare o stirare o semplicemente avete voglia di leggervi un bel libro. Naturalmente, avrete cura di indirizzare il piccolo verso i giochi e i passatempi più adatti alla sua età. Vediamo adesso cosa può inventarsi una mamma per far felice il suo piccolo:

Giocare a cucinare

Date al bambino qualche tazza e un cucchiaio con i quali possa divertirsi a dosare e mescolare fra loro ingredienti come pasta, legumi, zucchero e farina. Questo gioco è ideale per intrattenere il bambino mentre cucinate e può essere fatto proprio in cucina sotto la vostra supervisione.

Giocare a travestirsi

Divertirsi con i travestimenti buffi è un gioco da fare in due ovviamente; per farlo non è necessario svuotare gli armadi tanto più che difficilmente ci troveremmo dentro qualcosa di buffo! Piuttosto siate lungimiranti e procuratevi, ad esempio comprandoli al mercato e chiedendoli ad amici e parenti, vecchi cappelli, foulards, abiti coloratissimi, sciarpe improbabili.

Collage

Se il bambino è più grandicello potete insegnargli a fare i collage. Non è necessario che compriate gli appositi album in vendita in cartoleria; tutto quello che vi occorre sono basi di cartone (potete benissimo utilizzare una scatola di cartone e tagliarla in pezzi), colla atossica e qualunque materiale riusciate a recuperare in casa (giornali, bottoni, vecchi orologi rotti, spago, cotone, fili di lana, foglie secche ecc.). Spiegate al bambino che il gioco consiste nell’incollare sulla base di cartone ritagli di giornale e quant’altro vogliano fra quello che siete riuscite a recuperare. Quindi lasciate spazio alla sua fantasia.