Concorso per Educatori scuola infanzia, il concorso a Monza

di Emma Commenta

C’è tempo fino al prossimo 21 settembre 2017 per potersi candidare al concorso pubblico per l’assunzione di 4 Educatori / Educatrici Scuola dell’Infanzia – cat. C e posizione economica C1 indetto dal Comune di Monza per un lavoro a tempo indeterminato.

scuola infanzia, concorso, Scuola zaini pesanti possono costituire rischio bambini

La domanda deve essere presentata attraverso la compilazione del form online: al momento dell’invio della richiesta è necessario avere a disposizione la ricevuta del versamento della tassa di ammissione al concorso, pari a €.10.00, la scansione della fotocopia non autenticata di un documento di identità personale in corso di validità, in formato .pdf; la dichiarazione di voler partecipare al concorso, in formato .pdf; l’elenco titoli di servizio (se posseduti) utilizzando il modulo allegato al bando.

Le richieste di supporto saranno evase in precisi giorni e orari: dal lunedì al giovedì tra le 9.00 e le 16.00, il venerdì tra le 9.00 e le 12.30, ma il giorno 21 settembre 2017, verranno prese in considerazione esclusivamente le richieste di supporto inoltrate entro le ore 12.30.

Possono partecipare al bando del Comune di Monza è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

– aver compiuto il diciottesimo anno di età;

– essere cittadini italiani oppure essere cittadini di Stati membri dell’Unione europea o delle altre categorie previste dal bando;

– essere in condizioni d’idoneità fisica alle mansioni relative al posto messo a selezione;

– non aver riportato condanne penali definitive o provvedimenti definitivi del Tribunale o altre categorie previste dal bando;

– non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo, nonché essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;

– per i cittadini italiani di sesso maschile, soggetti per legge in base all’età anagrafica, essere in posizione regolare nei confronti degli obblighi militari.

È necessario essere in possesso di precisi titoli di studio:

– diploma di Scuola magistrale o di Istituto magistrale conseguito al termine di un corso di studi ordinario, purché il corso sia iniziato entro l’anno scolastico 1997/1998 ovvero il titolo sia stato conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002;

– diploma conseguito al termine di un corso sperimentale, triennale o quinquennale per la Scuola Magistrale, quadriennale o quinquennale per l’Istituto Magistrale, purché il corso sia iniziato entro l’anno scolastico 1997/1998 ovvero il titolo sia stato conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002;

– abilitazione statale per l’insegnamento nelle scuole dell’infanzia (ex scuole materne) conseguita tramite il superamento di un concorso o corso-concorso statale;

– diploma di Laurea (vecchio ordinamento) in Scienze della formazione primaria indirizzo Scuola dell’infanzia;

– laurea in Scienze della formazione primaria (nuovo ordinamento) classe LM85bis.

Le selezioni consistono nel superamento di tre prove d’esame, due scritte ed una orale:

• Prima prova scritta consiste in un test a risposte multiple chiuse sulle seguenti materie:

•– lineamenti di pedagogia generale;

•– lineamenti di psicologia dello sviluppo della prima infanzia con particolare riferimento alle principali teorie dello sviluppo cognitivo, affettivo e sociale;

•– caratteristiche dello sviluppo fisico e psicomotorio della prima infanzia con particolare riferimento all’età compresa tra i 2 e i 6 anni;

•– ruolo e funzione dell’educatore in relazione al singolo bambino e al gruppo di coetanei;

•– relazione con le famiglie;

•– continuità con le altre agenzie educative;

•– rapporto scuola e territorio;

•– l’educatore di fronte al disagio del bambino: osservazione, ipotesi di intervento educativo e di rete con i servizi territoriali competenti;

•– strategie di integrazione dei bambini diversamente abili;

•– pedagogia multiculturale: l’integrazione dei bambini stranieri;

•– osservazione e documentazione delle esperienze;

•– progettazione e programmazione educativa: il lavoro di gruppo, tempi e modalità;

•– il momento dell’inserimento del bambino alla Scuola dell’infanzia: tempi, modalità e strategie di intervento;

•– l’ambiente come contesto educativo e relazionale: organizzazione degli spazi, arredi e materiali;

•– il gioco nella Scuola dell’infanzia come momento di crescita affettiva, intellettuale e sociale del bambino;

•– riferimenti normativi relativi al funzionamento della scuola dell’infanzia, con particolare riferimento alle “Nuove Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia 5/9/2012”.

•– nozioni sul Piano dell’Offerta Formativa nella Scuola dell’infanzia (P.O.F.) e sull’ordinamento e il funzionamento degli organi collegiali della Scuola dell’infanzia;

•– organizzazione della scuola dell’infanzia.

•– il pensiero socio-costruttivista: pedagogia e didattica.

•– elementi di primo soccorso e somministrazione farmaci a scuola.

•– continuità verticale ed orizzontale.

• Seconda prova scritta consiste in un elaborato e/o domande aperte a contenuto teorico-pratico inerenti gli stessi argomenti della prima prova scritta, finalizzati ad accertare la maturità e la professionalità del/della candidato/a con riferimento alle attività che il/la medesimo/a è chiamato/a svolgere.

• Prova orale verte sulle materie delle prove scritte ed è finalizzata ad accertare le competenze del/della candidato/a, eventualmente anche in relazione a quanto emerso nelle precedenti prove.

DOMANDA

L’unica modalità di presentazione della domanda di ammissione al concorso per educatori scuola dell’infanzia è l’iscrizione telematica tramite il seguente form online da effettuare entro il 21 Settembre 2017.

Alla domanda sarà necessario allegare la seguente documentazione:

•ricevuta del versamento della tassa di ammissione al concorso, pari a €.10.00;

•fotocopia non autenticata di un documento di identità personale in corso di validità, in formato .pdf;

•dichiarazione di voler partecipare al concorso, in formato .pdf;

•elenco titoli di servizio (se posseduti) utilizzando il modulo allegato al bando.