Il cloasma gravidico

di Redazione 4

cloasma gravidico

In gravidanza è piuttosto frequente che il volto della futura mamma si ricopra di un velo brunastro. E’ questo il cloasma gravidico, uno dei tanti segni che l’attesa imprime sul corpo della donna, manifestazione degli cambiamenti che durante questo periodo occorrono nel nostro organismo. Vediamo quindi di capire di cosa si tratta:

Cos’è il cloasma gravidico

Il cloasma gravidico, noto anche come maschera della gravidanza, è un fenomeno cutaneo che può fare la propria comparsa sin dal quarto mese di gestazione. Consiste nella comparsa di macchie brune localizzate sul volto soprattutto su fronte, gote, naso, labbro superiore e zigomi.

Quali sono le cause del cloasma gravidico?

A causare il cloasma gravidico sono i cambiamenti ormonali che avvengono in gravidanza i quali aumentano la produzione di melanociti, ovvero delle cellule che producono la melanina. A determinarne la comparsa è quindi lo stesso fenomeno alla base dell’aumento della pigmentazione di capezzoli e vulva nonchè della comparsa della linea nigra.

Come si cura il cloasma gravidico?

Non è necessario curare il cloasma gravidico; il problema in genere si risolve spontaneamente qualche mese dopo il parto. In alcuni casi però può permanere rendendosi più evidente durante l’estate con l’abbronzatura; in queste situazioni è possibile rimediare rivolgendosi alla medicina estetica.

E’ possibile prevenire la comparsa del cloasma gravidico?

Prevenire la comparsa del cloasma gravidico non è del tutto possibile perchè, come abbiamo visto, a determinarne la comparsa sono dei mutamenti ormonali contro i quali non si può nulla. Tuttavia, poichè l’esposizione ai raggi solari facilita la produzione di melanociti, si può provare e ridurre la portata del problema evitando di prendere il sole. Questo però non è sempre possibile, come ben sanno le future mamme che stanno andando incontro all’estate. In questi casi è quindi opportuno esporsi sempre al sole adottando tutte le precauzioni necessarie: evitare le ore più calde della giornata e usare sempre una crema solare ad alta protezione.