Il soffio innocente al cuore

di Micol 3

soffio-innocente-cuoreQuando mio figlio aveva due anni abbiamo dovuto per necessità cambiare pediatra, alla prima visita dal nuovo medico, ci è stato detto che il piccolo aveva un soffio al cuore. Da mamma inesperta e anche un pò apprensiva mi sono molto spaventata fin quando non mi è stato spiegato cosa significa questo stato. Il medico ha specificato che si trattava di un soffio innocente, cioè non una malattia del cuore, bensì un rumore prodotto dal sangue quando entra nelle cavità cardiache facendole vibrare.

Ciò accade perché il cuore dei bambini si trova più vicino al diaframma rispetto a quello degli adulti e pensa che circa il 30% dei bambini dai 3 ai 7 anni dimostra di avere un soffio innocente.
Ma come si ascolta un soffio al cuore? Il pediatra riesce ad individuare il tipico e breve suono durante la fase sistolica, cioè quando il cuore si contrae, rumore che si intensifica qualora aumenti la frequenza cardiaca, nel caso il piccolo abbia la febbre, stia correndo o sia eccitato.

Per avere la certezza che sia un soffio innocente il medico ausculta il cuore del bambino sia in posizione seduta che sdraiata, infatti nel primo caso questo risulta attenuato mentre nel secondo risulta più accentuato, questa variazione di intensità è una caratteristica inconfondibile del soffio innocente che rende certa la diagnosi ed esclude la necessità di ulteriori accertamenti come elettrocardiogramma, lastra al torace o ecocardiografia.

In ogni caso un’ulteriore conferma della benignità del soffio al cuore rilevato dal medico può venire da alcune indicazioni provenienti dalla tua famiglia: non ci sono casi di patologie cardiache congenite, tu hai avuto una gravidanza tranquilla e senza la necessità di assumere medicinali particolari, il tuo bambino cresce in modo regolare, ha un respiro regolare quando mangia, corre o fa uno sforzo e non gli sono stati riscontrati problemi alla nascita.

I