La piaghetta nel collo dell’utero

di Redazione 6

piaghetta collo dell'utero

Oggi parliamo di un problemino di salute piuttosto diffuso fra noi donne, ovvero l’ectropion del collo dell’utero, o ectopia cervicale, meglio noto come piaghetta del collo dell’utero. Anche se il nome può incutere un po’ di timore si tratta in realtà di un fenomeno del tutto innocuo che spesso non necessita neppure di interventi particolari. Ma vediamo i dettagli nella scheda che segue:

Che cos’è la piaghetta del collo dell’utero

In realtà, al contrario di quanto il suo nome comune può farci pensare, l’ectropion non rappresenta una lesione ma è causato dalla formazione anomala del tessuto che riveste internamente il collo dell’utero (epitelio cilindrico monostratificato) al suo esterno. Si presenta come una piccola macchia rossa.

Quali sono i sintomi dell’ectropion

La piaghetta del collo dell’utero è del tutto asintomatica tanto che nella gran parte dei casi viene scoperta in modo del tutto casuale nel corso di un normalissimo controllo ginecologico

Quali sono le cause della piaghetta nel collo dell’utero

L’ectopia cervicale può essere presente sin dalla nascita a causa di una innocua malformazione del tessuto della cervice uterina o comparire dopo il parto a causa di lacerazioni a carico del collo dell’utero durante la fase espulsiva che ne favoriscono l’insorgenza.

Come si cura

In genere la piaghetta guarisce in modo spontaneo e non necessita di alcuna cura. Questo a meno che non causi infezioni della cervice, cui le donne affette da ectropion sono maggiormente esposte, o sanguinamenti. Infatti, la presenza di questa anomalia altera l’equilibrio dei germi “buoni” normalmente presenti in vagina e la rende più vulnerabile all’aggressione dei batteri che possono farvi il loro ingresso dall’esterno, ad esempio durante i rapporti sessuali. In alcuni casi quindi il ginecologo può ritenere opportuno doverla eliminare; l’intervento consiste nella sua cauterizzazione (in altre parole viene bruciata) con il laser o diatermocoagulazione.