Phubbing, cos’è e perché i genitori devono stare molto attenti

di Gio Tuzzi Commenta

Al giorno d’oggi, lo smartphone sembra essere uno di quegli strumenti di cui non si può proprio fare a meno. Un problema che coinvolge in prima linea anche gli stessi genitori, visto che capita spesso che mamma e papà diano più attenzioni al proprio smartphone, anche in presenza dei figli.

Phubbing

Phubbing, ecco quali sono le conseguenze sui figli

Ebbene, un simile comportamento non fa altro che riflettersi negativamente sulle relazioni con i figli stessi, peggiorandole. Non solo, dal momento che gli effetti negativi si fanno sentire anche direttamente sul benessere.

È quanto viene affermato da una recente ricerca che è stata realizzata grazie alla collaborazione tra gli studiosi dei dipartimenti di Psicologia e di Sociologia presso l’Università Milano-Bicocca. Tale studio mette in evidenza come serva prestare la massima attenzione all’uso del proprio device mobile in presenza dei figli, che andrebbe a comportare una serie di riflessi negativi sulle relazioni. Una negatività tale che andrebbe a condizionare negativamente anche la serenità psicologica dei figli stessi.

Il phubbing è un comportamento era stato analizzato fino a questo momento soprattutto nelle relazioni di lavoro e di coppia, ma mai nel rapporto con i figli. È emerso come gli adolescenti che avvertivano di essere sempre più vittime di phubbing da parte dei genitori, sentivano anche una maggiore distanza rispetto a questi ultimi, venendo esclusi e ignorati dal punto di vista sociale.