L’importanza del nuoto per i bambini piccoli

di Redazione 2

bambini e nuoto

I bambini possono prendere confidenza con l’acqua molto presto: non a caso nella maggior parte delle piscine vengono organizzati corsi di nuoto adatti anche a bambini con un’età che va dai 3 ai 7 mesi. In una vasca con acqua calda, i piccoli entrano in acqua in braccio alla mamma, e sempre da lei vengono piano piano immersi, ovviamente alla presenza di un insegnante.

Una volta entrati in acqua, c’è il momento dell’adattamento, nel quale vengono cantate delle canzoncine mentre i bambini si muovono guidati dalla mamma su indicazione dell’istruttore, e poi inizia la lezione. Le prime lezioni servono a far capire al bambino che è al sicuro anche in acqua e che la figura della mamma è per lui un punto di riferimento anche in questa situazione.

All’inizio i piccoli verranno fatti sdraiare a pancia in giù, schizzare con le mani e giocare con dei pupazzetti galleggianti per fargli prendere confidenza con l’acqua, poi, dalla quarta lezione, vengono fatti immergere dalla mamma con l’aiuto dell’insegnante. In questo esercizio i bambini devono essere tenuti sotto le ascelle in modo che si sentano sicuro e siano libero di muoversi; quando il bambino sarà fatto tornare in superficie verrà accolto dagli applausi delle altre mamme in modo da avere un riconoscimento del suo sforzo e da associare l’acqua a un momento piacevole.

La presenza di un adulto in acqua con loro è un fattore molto importante per i bambini perché dà loro sicurezza, ma non solo: questo tipo di contatto rafforza ulteriormente il rapporto genitore-figlio perché crea complicità e voglia di fare le cose insieme; inoltre, il fatto di riuscire a fare qualcosa davanti ai genitori, rende il bimbo più sicuro di sé.

Una cosa importante da precisare è che l’istinto a stare in apnea viene perso poco dopo la nascita, ma può essere ricordato con l‘esercizio, quindi non bisogna mai mettere il bimbo sott’acqua senza avere la dovuta esperienza o senza le istruzioni di un insegnante, perché l’istinto dell’apnea va insegnato anche ai più piccoli.