Contro l’influenza i bambini devono giocare all’aperto anche nei giorni della merla

di Mariposa 1

Cadono proprio in questo periodo i famosi giorni della merla (29, 30, 31 gennaio), ovvero il periodo dell’anno più freddo. Che nelle vostre città ci sia un clima mite o sia tutto ghiacciato, gli esperti dell’ospedale Bambino Gesù di Roma invitano i genitori a portare fuori i piccoli di casa, per farli giocare all’aperto.

Durante l’inverno molti genitori evitano i giardinetti e le passeggiate all’aperto, per paura che i bambini possano ammalarsi. Sta di fatto che il picco influenzale è arrivato, ne abbiamo parlato proprio ieri, nonostante tutti i tentativi di proteggere i nostri cuccioli. I pediatri dell’ospedale romano, invitano i genitori a coprire bene i bimbi e a uscire fuori di casa, perché l’ambiente caldo della casa non totalmente salutare, anzi aiuta la proliferazione del virus. Antonino Reale, responsabile del pronto soccorso ed emergenza del Bambino Gesù, all’Adnkronos:

Evitare di restare tutto il giorno chiusi dentro casa durante i giorni più freddi, sfruttando per esempio le ore più calde della giornata e un appropriato abbigliamento invernale non aumenterà le probabilità di prendersi un bel raffreddore e, anzi, diminuiranno le occasioni di entrare in contatto con virus che attaccano le vie respiratorie.

Mi raccomando vestite il bimbo a cipolla, in modo tale che una volta in un ambiente caldo, come può essere la casa, ma anche la scuola o l’asilo, possa alleggerirsi togliendosi il maglioncino. L’altro consiglio è quello di coprirgli sempre bene il capo e le orecchie (è dalla testa che il corpo disperde la percentuale maggiore di calore). Inoltre, attenzione alla dieta: i bambini in inverno devono ingerire più calorie per combattere il freddo. Con le basse temperature, infatti, il corpo brucia di più. Poi devono bere molto per evitare la disidratazione.

 

Una vacanza in montagna? Ovviamente è una bella soluzione, ma anche in questo caso bisogna osservare delle regole: se i bambini hanno patologie croniche, come cardiopatie, anemie croniche è meglio evitare paesi di alta quota, meglio qualche giorno di mare… anche al freddo, ha il suo fascino.

 

Photo Credit | ThinkStock