Perugia, muore bimbo di 11 mesi lasciato solo in auto

di Giulia Ferri 1

A pochi giorni dalla tragedia della piccola Elena Petrizzi, la bambina di 22 mesi dimenticata in auto dal padre e morta dopo 4 giorni di coma all’ospedale pediatrico Salesi di Ancona, un fatto analogo sconvolge la provincia di Perugia.

E’ successo ieri mattina a Passignano sul Trasimeno, dove un bambino di appena 11 mesi di nome Jacopo è rimasto solo in auto mentre il padre era a lavoro in un club velico. Sarà l’autopsia disposta dal pm Mario Formisano a chiarire le cause del decesso anche se l’esito appare analogo a quello della piccola Elena.

Secondo una primissima ricostruzione dei carabinieri del comando provinciale di Perugia tra le 9.15 e le 9.30 il padre sarebbe arrivato al Club Velico di Passignano dove lavora. Solamente verso le 12.30 il padre sarebbe ritornato in macchina e qui l’agghiacciante scoperta: Jacopo era in fin di vita e nulla è avvalso il tentativo del 118 di rianimarlo. Il quadro della dinamica non è ancora completo visto che i genitori sono stati colti entrambi da malore e sono stati ricoverati in ospedale sotto shock. Il padre è iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo.

Che Jacopo sia rimasto sotto il sole per 3 ore sarebbe stato confermato da una webcam del circolo velico. Purtroppo quella mattina era la prima giornata di vero caldo sul Trasimeno, una temperatura di 30 – 31° arrivata improvvisamente e che non ha dato scampo al bambino di appena 11 mesi.

Scene strazianti all’obitorio dove i genitori non hanno retto alla tragedia familiare che li ha colpiti tanto che sono stati colti da malore. Aurelio Forcignanò, il presidente del club velico dove lavora il padre di Jacopo ha dichiarato:

Quel figlioletto era il faro di Sergio ed Eva. Lui lavorava giorno e notte per ristrutturare la casa dei genitori. E’ un uomo molto apprezzato per la sua serietà. E’ innamoratissimo della moglie e il figlio li aveva uniti ancor più.