Batteri in piscina, come scongiurare l’otite esterna

di Redazione Commenta

otite esterna

L’otite esterna è un problema davvero insidioso. Oltre ad essere estremamente fastidiosa e dolorosa, l’otite esterna può avere diverse conseguenze.

L’otite esterna può essere prevenuta adeguatamente e curata in tempo per evitare ulteriori danni all’orecchio.

Esistono alcuni fattori di rischio che implicano la possibilità di sviluppare l’otite esterna, come per esempio i batteri presenti nelle piscine o l’azione irritativa di cloro.

In questo articolo vediamo quali soluzioni sono possibili per prevenire l’otite esterna, specialmente nei bambini, quali sono i fattori di predisposizione e i rischi connessi, oltre alla cura nel caso in cui si sviluppi l’otite esterna.

L’otite esterna: fattori di predisposizione

Alcune attività possono provocare l’otite esterna, come per esempio l’azione irritativa del cloro nelle piscine e la presenza di batteri e funghi. I bambini e gli adulti che frequentano la piscina hanno un’esposizione maggiore a questo rischio.

Esistono dei fattori che predispongono l’insorgere dell’otite esterna. I fattori in questione sono la psoriasi, determinate allergie, indebolimento delle difese immunitarie, irritazione causata da cotton fioc, presenza di eczemi.

Questi fattori possono aumentare la possibilità di sviluppare l’otite esterna con tutti i fastidi che ne conseguono.

Vediamo ora come scoprire l’otite esterna in particolare nei bambini.

I segnali per individuarla

L’otite esterna può essere molto fastidiosa. In particolare nei bambini questo disturbo può causare dei fastidi importanti.

L’otite esterna può essere riconosciuta perché si avverte un dolore durante la masticazione. Si possono avvertire anche altri sintomi. Ad esempio il prurito o secrezioni visibili nell’orecchio, ma anche dolore a seguito di pressione sull’orecchio.

Ovviamente è molto importante poter conoscere i segnali soprattutto per individuare i primi segni di otite esterna nei bambini piccoli che non possono comunicare a parole il dolore e il fastidio che provano.

Vediamo ora come prevenire l’insorgenza dell’otite esterna.

Come prevenire l’otite esterna con AudiolSwim

Ci sono diversi modi per prevenire l’insorgere di un’otite esterna. Un metodo estremamente efficace è quello di utilizzare AudiolSwim, una soluzione otologica a base di olio essenziale di Tea Tree che protegge le orecchie dai germi presenti nell’acqua.

AudiolSwim è perfetta da utilizzare in acqua, durante le vacanze al mare o per chi frequenta le piscine.

La soluzione a base di Tea Tree funge da barriera naturale ed evita la presenza di acqua stagnante nelle orecchie ed è adatta sia ai bambini che agli adulti.

La presenza di acqua nelle orecchie è la causa principale di otite esterna, di conseguenza una barriera protettiva è estremamente utile per evitare infezioni e infiammazioni.

L’olio di Tea Tree è un olio essenziale prezioso, il suo potere antinfiammatorio è perfetto per prevenire e curare tanti comuni fastidi ed è assolutamente sicuro anche per i bambini. L’olio di Tea Tree viene estratto dalla pianta di Melaleuca alternifolia, un alleato prezioso per le sue proprietà antimicotiche e antimicrobiche. Questo olio viene impiegato spesso anche come antinfiammatorio contro le punture di zanzare o per curare la pelle in modo naturale.

L’otite esterna può sfociare in un problema di salute anche grave se non viene trattata, quindi se non si previene adeguatamente, è necessario ai primi sintomi rivolgersi al medico curante che prescriverà la corretta cura. La salute delle orecchie è importante sia dal punto di vista cutaneo che dal punto di vista funzionale, l’udito è essenziale per una buona qualità di vita e va preservato da eventuali danni. Come abbiamo visto, quando si tratta della salute delle nostre orecchie sono sufficienti semplici gesti quotidiani per averne cura.