Nascite, è calo record in Italia

di Fabiana Commenta

Nascite: è calo record in Italia come rilevato dall’Istat nel suo bilancio demografico 2017. Gli italiani diventano sempre più vecchi e la popolazione residente al 1 gennaio 2018 scende a 60 milioni 494mila con una diminuzione pari a centomila persone (-1,6 per mille) rispetto all’anno precedente. 

nascite

Il calo record delle nascite è stato registrato nel 2017 con un minimo storico, un  -2% rispetto al 2016 con solo 464mila nuovi nati. Arrivano a 647mila i decessi con 31mila in più del 2016 (+5,1%). L’Istat conferma che il saldo naturale della popolazione nel 2017 è dunque negativo (-183mila) facendo registrare un nuovo minimo storico.

Si registra un crollo nelle nascite, ma al tempo stesso il numero medio di figli per donna (1,34) è risultato invariato rispetto all’anno precedente: confermata l’età media del parto che sale a 31,8 anni.

La speranza di vita per gli italiani alla nascita resta stabile ed è pari a 80,6 anni per gli uomini, come nel 2016, e a 84,9 anni per le donne, cona fronte degli 85 anni del 2016. I 4,3 anni registrati come gap rappresentano il minore divario che è stato riscontrato nella metà degli anni ’50 anche se tendono a cambiare i valori in base alla zona.

Nel Nord-est del Paese gli uomini contano su una media di 81,2 anni di vita media (+0,1 sul 2016), le donne su 85,6 (invariata). I minimi si registrano invece nel Mezzogiorno con 79,8 anni per gli uomini (-0,1 sul 2016) e 84,1 per le donne (-0,2).

Aumentano le immigrazioni, con 337mila persone (+12%) e diminuiscono le emigrazioni, 153mila (-2,6% ).

 

photo credits | think stock