Il baby-cooling: un alleato nella lotta contro l’asfissia

 
Chiara R
4 marzo 2011
Commenta

piedi bimbo Il baby cooling: un alleato nella lotta contro lasfissia

Quando si aspetta un bambino le paure maggiori si concentrano soprattutto sul momento del parto ed il primo pensiero delle neomamme è che il loro piccolo sia sano e stia bene. La nascita di un bambino, infatti, è un momento molto delicato che, purtroppo, in alcuni casi può risultare difficoltoso e traumatico. Uno dei rischi in cui può incorrere un bambino alla nascita è l’asfissia. Si tratta di una diminuzione di ossigeno nel sangue e può causare gravi problemi come disabilità psicomotorie, paralisi cerebrale e nei peggiori casi la  morte. La scienza ha fatto numerosi passi avanti in questo senso ed oggi possiamo avvalerci di un alleato in più nella lotta all’asfissia: il baby-cooling.

Che cos’è il baby-cooling?

Il baby-cooling è una terapia innovativa che consiste nel curare i neonati a rischio asfissia con il freddo.  

Nello specifico, il baby-cooling, come spiega una nota dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma

Consiste nel raffreddamento controllato a 33.5 gradi centigradi dei neonati asfittici per ridurre le richieste metaboliche del cervello. La terapia, della durata di circa 72 ore deve essere tempestiva, quindi avviata entro le prime 6 ore di vita del bambino che viene sottoposto a stretto monitoraggio delle funzioni vitali e in particolare delle funzioni cerebrali.

Il baby-cooling, o ipotermia terapeutica, va a sostituire la tradizionale terapia con l’incubatrice attraverso l’impiego di una sorta di casco che, posizionato sulla testolina del neonato, ne consente il raffreddamento corporeo e riduce il numero di richieste metaboliche inviate dal cervello. Il baby-cooling è stato introdotto in Italia solo di recente e, il primo ospedale nel Lazio a praticare questa terapia innovativa è l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma.

Il baby-cooling è stato accolto con grande entusiasmo dagli esperti del settore perché, grazie ad esso,  per la prima volta, è possibile tentare di prevenire e curare i danni causati dall’afissia.

Articoli Correlati
YARPP
Ieo day 2012,  i progressi nella lotta ai tumori femminili

Ieo day 2012, i progressi nella lotta ai tumori femminili

Si celebrerà il prossimo 20 giugno a Milano (al Marriott Hotel) lo Ieo day 2012. La manifestazione organizzata dall’Istituto Europeo di Oncologia, giunta alla sua quinta edizione. Per il professore […]

Baby Meal Chicco De Longhi

Baby Meal Chicco De Longhi

Detesto andare a comprare gli omogeneizzati, i passati pronti, la frutta già grattugiata, la carne liofilizzata: se siete d’accordo o fate come me che si è andata a comprare un […]

I baby pit-stop per allattare al seno anche fuori casa

I baby pit-stop per allattare al seno anche fuori casa

Grazie ad un accordo siglato tra Unicef e le Asl di Milano, nella capitale lombarda sarà possibile allattare al seno in farmacie, centri commerciali e negozi; nascono così i baby […]

Abbigliamento per neonato by Bonnie baby

Abbigliamento per neonato by Bonnie baby

Bonnie baby è un brand nato nel 2004 dall’idea di una mamma e viene distribuito in Italia da Non solo latte. Lo scopo di Bonnie baby è quello di creare […]

Acido folico: il tuo alleato in gravidanza

Acido folico: il tuo alleato in gravidanza

L’acido folico è essenziale ancora prima di sapere che sei incinta. Sembra un paradosso ma curarti del tuo bambino significa pensare a lui ancora prima di concepirlo. Se stai pensando […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento