Ora legale, i consigli per i bambini

di Fabiana Commenta

Domani notte torna l’ora legale che resterà in vigore per sette mesi: lancette avanti di un’ora nella notte fra il 30 e il 31 marzo, fra sabato e domenica. Attenzione però ai piccoli disturbi che i bambini potrebbero accusare con il cambio dell’orario.

co sleeping , bambini, sonno,, ora legale,

Circa 230mila bambini sotto i 10 anni saranno colpiti da malumore e irritabilità anche causati dal fatto di dormire un’ora di meno.

Il nuovo orario “avrà l’effetto di un viaggio da Milano a Londra, con tutti i disturbi legati al jet lag. Ma anche gli adulti avranno dei problemi: in pratica l’orologio biologico di 60 milioni di italiani risulterà ‘sballato’. Un inutile stress che però si assorbirà in circa una settimana. Ma in realtà si potrebbe facilmente evitare, adottando finalmente l’ora legale per tutto l’anno.

Spiega via Adnkronos il pediatra dell’Università di Milano Bicocca, Italo Farnetani anticipando anche il problema più comune: domenica sera, il bambino potrebbe non avere ancora sonno. E allora, come fare? Il trucco è quello di sfruttare quanto più possibile il bel tempo, di portare i bambini all’aria aperta sfruttando le occasioni per farli stancare fra sport e l’attività fisica. Meglio però assecondare il bambino senza sforzarlo troppo di cambiare repentinamente le proprie abitudini. 

Ad esempio se il bambino è solito andare a dormire alle 21, il primo giorno, suggerisce l’esperto, il bambino dovrà andare a dormire alle 22. Dal giorno successivo sarà sufficiente cominciare a scalare almeno 20 minuti e così per i tre giorni successivi per far sì che il bambino si adegui con facilità al nuovo nuovo orario.

 

photo credits | think stock