Festa del papà, tre poesie d’autore per i bambini

di Fabiana Commenta

Si avvicina la Festa del papà che cade il 19 marzo e fra lavoretti, bigliettini e dolci a tema, non mancano le poesie per bambini da imparare in onore del papà.

festa del papà, poesie

Qualcuna è molto semplice da imparare, come Passeggiata domenicale di Gianni Rodari, altre, come O’ pate di Eduardo De Filippo, e in dialetto napoletano o Padre, Anche Se…di Camillo Sbarbaro, un po’ più impegnative, indicate magari per i bambini della scuola elementare. 

Passeggiata domenicale di Gianni Rodari

Io vado a spasso per la città,

senza una mèta vago qua e là.

In piazza Navona mi fermo a guardare

quelli che stanno il gelato a leccare.

In piazza Esedra reato incerto:

sentire gratis il concerto,

o sedermi, alla romana,

sull’orlo fresco della fontana?

Ma è zeppo, l’orlo di cemento:

ci siedono già persone duecento.

Si godono il fresco le famiglie,

la mamma, la suocere con le figlie.

E il babbo dov’è, per far pari?

E’ a casa a fare gli straordinari.

Ogni domenica per la via,

si fa il passeggio dell’economia.

 

O’ pate di Eduardo De Filippo 

Pe tutta a vita st’Omme te sta accante,

e tu, a stiente, t’accuorge che sta llà,

p’e figlie fa ‘e tutto, e nun se vante,

e soffre spisso senza mai parlà.

E comme a S. Giuseppe, zitto e muto,

s’abbraccia ‘a croce e fa ‘o vulere ‘e Dio:

fatica, prega e resta scanusciuto,

e quanno chiagne…chiagne,

t’ ‘ dich’io!

Si pure tene ‘mpietto nu dolore,

‘o stesso, p’a fatica, esce ‘a matina;

p’ ‘a famiglia, è ‘nu martire d’ammore,

all’ufficio, a ‘o negozio o all’officina.

Te vò bene e t’ ‘o dice quasi maje,

te fa l’elogio, si nun staje presente;

te vase ‘nfronte quanno a durmi’ staje;

pe’ na carezza, gode veramente.

Si te richiama, o’ ffa pè vero amore;

pè te dà gioia, soffre tutt’e’ ppene;

e ogni ghiuorno se consuma ‘o core,

pecchè è pate, è vecchio i è piccerillo.

Salutalo quante jesci e quante tuorne,

e falle qualche vòta ‘na carezza:

t’accuorgi ampressa ca te gira attuorne,

suspiruso e te fa ‘na tenerezza.

‘O bene che fa ‘o pate l’annasconne,

pecchè è ommo…e ll’omme accussì fa:

quanne ‘o figlio se sceta ‘a dint’ ‘o suonne,

quanno sposa e addeventa isso Papà.

 

Padre, Anche Se…di Camillo Sbarbaro

Padre, se anche tu non fossi il mio

padre, se anche fossi a me un estraneo,

per te stesso, egualmente t’amerei.

Ché mi ricordo d’un mattin d’inverno

che la prima viola sull’opposto

muro scopristi dalla tua finestra

e ce ne desti la novella allegro.

Poi la scala di legno tolta in spalla

di casa uscisti e l’appoggiasti al muro.

Noi piccoli stavamo alla finestra.

 

E di quell’ altra volta mi ricordo

che la sorella, mia piccola ancora,

per la casa inseguivi minacciando.

(la caparbia avea fatto non so che)

Ma raggiuntala che strillava forte

dalla paura, ti mancava il cuore:

che avevi visto te inseguir la tua

piccola figlia e, tutta spaventata,

tu vacillante l’attiravi al petto

e con carezze dentro le tue braccia

avviluppavi come per difenderla

da quel cattivo ch’era il tu di prima.

 

Padre, se anche tu non fossi il mio

padre, se anche fossi a me un estraneo,

fra tutti quanti gli uomini già tanto

pel tuo cuore fanciullo t’amerei.

 

photo credits | thinkstock